9

"Fingendo di essere una professionista!"

lunedì 7 aprile 2014

... Pasqua ...

L'Uovo e la Colomba sono i dolci più comuni della Pasqua. Quelli legati alla tradizione Palermitana, sono la Cassata e le Pecorelle di marzapane.



UOVO DI PASQUA

L'Uovo è il simbolo della Pasqua. E' parte integrante di questa ricorrenza. Le uova vere, colorate e decorate, hanno una storia antichissima con radici nella tradizione pagana. E' il simbolo della vita che nasce, al suo interno avrebbe contenuto il germe dell'essere.
Con l'avvento del Cristianesimo venne inclusa nella nuova Religione. Anche nella Pasqua Cristiana è presente l'Uovo, che non simboleggia più la rinascita della natura come prima, ma quella dell'uomo, della Resurrezione di Cristo. Il guscio rappresenta la tomba dalla quale Cristo uscì vivo.
E col tempo le uova di una volta, sono state sostituite da quelle di cioccolato. 


COLOMBA

La Colomba simboleggia, sia il Cristo, che porta la pace nel mondo agli uomini di buona volontà, ma anche lo Spirito Santo che scende sui fedeli.

Per tutt'è due i dolci, sul mercato se ne trovano di svariati tipi. Con a base gli stessi ingredienti, spaziano per gusto e decorazioni.


 CASSATA

Le radici della Cassata risalgono al IX/XI secolo, con la dominazione Araba in Sicilia. Gli Arabi avevano portato a Palermo la canna da zucchero, i limoni, i cedri, le arance amare, i mandarini e le mandorle. Che uniti alla ricotta di pecora prodotta in Sicilia, formarono gli ingredienti base per questo dolce.
Nel periodo Normanno fu creata la Pasta Reale o Martorana. Un impasto di farina di mandorle e zucchero. In quel tempo si colorava con gli estratti di erbe, oggi esistono i colori alimentari.
La Cassata nasce con la base di Pastafrolla, ma successivamente fu sostituita dal Pan di Spagna, introdotto dagli Spagnoli durante la denominazione Spagnola.
E infine, durante il Barocco arrivarono i canditi.
A questo punto non mancava più nulla per la Cassata Sciliana.

Mangiare la Cassata il giorno di Pasqua, per i Palermitani è una devozione. 
Un proverbio dice "Tintu è cu nun mancia a cassata a matina ri Pasqua." ("Meschino chi non mangia Cassata la mattina di Pasqua").

PECORELLE

Le Pecorelle sono fatte con la Martorana, chiamata così perchè furono le Suore del Monastero della Martorana a tramandare l'arte dei frutti di Marzapane. Un agnellino disteso su di un prato, con una bandierina rossa simile a quella nell'iconografia sacra, è infilzata sul dorso di San Giovanni.



Lunedì 07 Aprile 2014

Nessun commento:

Posta un commento